Calabria7

Trovato oggetto metallico sospetto nell’ex caserma di Reggio Calabria, era una granata esplosiva antiarea

Durante un controllo nell’area della ex caserma Cantaffio a Reggio Calabria è stato rinvenuto nei giorni scorsi un oggetto metallico sospetto, rivelatosi poi una munizione bellica inesplosa. Attivati dalla Prefettura di Reggio Calabria, gli specialisti dell’Esercito, giunti sul posto da Castrovillari, hanno identificato nell’oggetto una granata esplosiva antiaerea da 88 millimetri tedesca, triste souvenir dell’ultimo conflitto. Gli artificieri del 21° Reggimento Genio, della caserma Manes hanno subito messo in sicurezza e rimosso l’ordigno, trasportandolo per il brillamento finale nell’alveo del torrente Scaccioti. Il tritolo contenuto, anche se molto datato, ha reagito regolarmente, detonando però in assoluta sicurezza. L’Esercito Italiano con l’impegno quotidiano sul territorio nazionale nel settore della bonifica dei residuati bellici e nel contrasto del virus, con la creazione di poli vaccinali, come quello della caserma Manes è sempre attivamente presente nel supporto alla popolazione ed al territorio.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Violenza al carcere di Catanzaro, proteste per mancato trasferimento

nico de luca

Mendicino, da domani lavori di bitumazione nel centro storico

Matteo Brancati

Caso Gregoretti, Lucano su Salvini: “Pagherà per i suoi reati contro l’umanità”

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content