Uccide un uomo e gli sfregia il viso con l’acido. Poi chiama il 112, fermata una donna

La vittima, stando a quanto dicono i vicini di casa, era una persona riservata che non frequentava molto il paese

Tragedia in provincia di Udine. Una donna, Silvia Comelli, di 43 anni, ha ucciso Stefano Iurigh, coetaneo, a Bicinicco. Il delitto sarebbe avvenuto intorno alle 21.30 in una palazzina di via Roma. Indagano i carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale. La donna è stata fermata dagli investigatori. Il corpo dell’uomo, come scrive ‘Il Piccolo’, era in una stanza all’interno dell’abitazione dello stabile di due piani.

Sul posto è giunto il magistrato di turno della Procura della Repubblica di Udine. La vittima, stando a quanto dicono i vicini di casa, era una persona riservata che non frequentava molto il paese. La zona del delitto è stata transennata e i curiosi vengono tenuti lontano. Acido sul viso dell’uomo Emergono con il passare delle ore nuovi particolari sul delitto di Bicinicco. I protagonisti della vicenda non sono marito e moglie, come si è pensato in un primo momento, ma si erano conosciuti tempo prima. La donna si è presentata a casa dell’uomo e – secondo le prime indagini coordinate dal pm di Udine, Andrea Gondolo – lo ha ucciso utilizzando anche un paio di forbici, nel corso di una lite, e colpendolo al capo. Poi gli avrebbe gettato sul volto dell’acido muriatico. Quindi ha chiamato i carabinieri e si è consegnata, confessando l’omicidio, prima di chiudersi nel silenzio. Gli investigatori stanno tentando di capire quale fosse il rapporto che legava i due. Al momento non sono state chiarite le ragioni dell’omicidio, pur ipotizzando che tra i due ci sia stato un legame sentimentale. 

Sul posto è giunto il magistrato di turno della Procura della Repubblica di Udine. La vittima, stando a quanto dicono i vicini di casa, era una persona riservata che non frequentava molto il paese. La zona del delitto è stata transennata e i curiosi vengono tenuti lontano. Acido sul viso dell’uomo Emergono con il passare delle ore nuovi particolari sul delitto di Bicinicco. I protagonisti della vicenda non sono marito e moglie, come si è pensato in un primo momento, ma si erano conosciuti tempo prima. La donna si è presentata a casa dell’uomo e – secondo le prime indagini coordinate dal pm di Udine, Andrea Gondolo – lo ha ucciso utilizzando anche un paio di forbici, nel corso di una lite, e colpendolo al capo. Poi gli avrebbe gettato sul volto dell’acido muriatico. Quindi ha chiamato i carabinieri e si è consegnata, confessando l’omicidio, prima di chiudersi nel silenzio. Gli investigatori stanno tentando di capire quale fosse il rapporto che legava i due. Al momento non sono state chiarite le ragioni dell’omicidio, pur ipotizzando che tra i due ci sia stato un legame sentimentale. 

Movente ancora tutto da scoprire

La donna che ha ucciso a Bicinicco (Udine) un amico coetaneo e’ stata rintracciata ieri sera, poco dopo il delitto, nei pressi dell’abitazione della vittima, con gli abiti ancora sporchi di sangue. Ne da’ notizia una nota dei Carabinieri di Udine e la Procura di Udine. E’ stata la stessa donna a contattare il numero unico per le emergenze 112 accusandosi dell’omicidio di un suo conoscente e chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine e dei soccorsi. In una abitazione poco distante e’ stato poi rinvenuto il corpo dell’uomo che presentava numerose ferite da taglio. La donna, alla presenza del proprio difensore, si e’ avvalsa della facolta’ di non rispondere alle domande del magistrato, che ha poi emesso a carico dell’indiziata il provvedimento di fermo. Dopo le operazioni di fotosegnalamento, la donna e’ stata portata alla casa circondariale a Trieste. Le indagini sono ancora in corso per determinare il movente e l’esatta dinamica del delitto. Sono in corso i sopralluoghi da parte dei carabinieri della sezione rilievi per determinare l’esatta dinamica del delitto. (AGI)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved