Ultimo Consiglio comunale a Vibo, la difesa inaspettata di Cutrullà al sindaco Limardo: “Resta la migliore”

L'esponente di punta di "Città Futura" punta il dito contro Forza Italia che ha mollato gradualmente il primo cittadino

Ultimo consiglio comunale della sindaca uscente Maria Limardo. La riunione è andata di scena in un’aula consiliare piuttosto spenta. Di importante sul piano politico gli interventi dei consiglieri Giuseppe Cutrulla’ (Città Futura) e Domenico Santoro (M5S) i quali hanno movimentato la seduta che, molto probabilmente, segna la fine del mandato amministrativo della sindaca Limardo.

In particolare ha fatto rumore, creando una certa irritazione tra i consiglieri di Forza Italia, l’intervento fuori dai denti dall’esponente di “Città Futura”: la lista messa in campo dall’ex consigliere regionale Vito Pitaro. Cutrulla’ nel suo j’accuse ha puntato il dito contro gli Azzurri i quali hanno avuto la responsabilità di mollare gradualmente l’inquilina di palazzo “Luigi Razza” fino alla sua mancata ricandidatura. “Negli anni di governo della città capoluogo – ha sottolineato – hanno cambiato pelle dimostrandosi inaffidabili sul piano politico. Abbiamo rotto l’alleanza e ritirato i nostri assessori dalla Giunta perché gli accordi venivano puntualmente disattesi. Il partito fondato da Berlusconi non era più quello che avevamo conosciuto all’inizio della campagna elettorale che ha portato alla vittoria la Limardo”.

In particolare ha fatto rumore, creando una certa irritazione tra i consiglieri di Forza Italia, l’intervento fuori dai denti dall’esponente di “Città Futura”: la lista messa in campo dall’ex consigliere regionale Vito Pitaro. Cutrulla’ nel suo j’accuse ha puntato il dito contro gli Azzurri i quali hanno avuto la responsabilità di mollare gradualmente l’inquilina di palazzo “Luigi Razza” fino alla sua mancata ricandidatura. “Negli anni di governo della città capoluogo – ha sottolineato – hanno cambiato pelle dimostrandosi inaffidabili sul piano politico. Abbiamo rotto l’alleanza e ritirato i nostri assessori dalla Giunta perché gli accordi venivano puntualmente disattesi. Il partito fondato da Berlusconi non era più quello che avevamo conosciuto all’inizio della campagna elettorale che ha portato alla vittoria la Limardo”.

L’esponente di “Città Futura” nel manifestare totale apprezzamento alla prima cittadina ha ricordato che gli esponenti di punta degli Azzurri negli anni di governo, in più di un’occasione, hanno manifestato una certa intolleranza nelle scelte degli assessori in quota alla lista civica fondata da Pitaro. “Non ci si trovava – ha aggiunto – d’accordo su nulla. Abbiamo avuto con i nostri alleati scontri durissimi. Personalmente ho sempre apprezzato la sindaca che ha sempre dimostrato professionalità e competenza. Per me resta la migliore”.

Di tutt’altro tenore l’intervento del Pentastellato Santoro il quale ha “bocciato” senza mezzi termini l’intera attività amministra della governance di centrodestra. La seduta si è conclusa con gli interventi dei consiglieri Stefano Soriano (Pd), Stefano Luciano (Azione) e Nico Console (Con Vibo per Vibo). Luciano e Console nei loro interventi convergono su una battaglia comune che è quella di bloccare il trasferimento del Reparto di prevenzione e crimine in un’altra sede. Si spera che ci sia il tempo per poterlo fare.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
Il gup nelle motivazioni della sentenza: "era a conoscenza dei rapporti tra 'ndrangheta e servizi segreti"
I genitori hanno scoperto casualmente un anno fa della malattia del figlio, dopo una serie di accertamenti
"Il mio ginecologo mi ricorda che devo controllare una cisti ovarica. Da lì parte uno tsunami. Risonanza, ricovero, operazione. Ciao ovaie"
Prende il posto di Bruno Trocini. Da giocatore ha indossato la maglia amaranto tra il 1988 e il 1990 ai tempi di Nevio Scala
I tempi? Appena la vice presidente Princi sarà proclamata in Europarlamento. Il governatore conferma: "Ho intenzione di alleggerirmi di alcune competenze"
Accolto l'appello della difesa. Nessuna pericolosità sociale: "non esistono elementi da cui desumere l'appartenenza alla 'ndrangheta"
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved