Calabria7

Coronavirus, tornano i contagi in Calabria: i numeri del 20 giugno

coronavirus calabria

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 85.241 tamponi. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.167 (+3 rispetto a ieri), quelle negative sono 84.074. Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

  • Catanzaro: 15 in reparto; 1 in isolamento domiciliare; 168 guariti; 33 deceduti
  • Cosenza: 1 in reparto; 3 in isolamento domiciliare; 430 guariti; 34 deceduti
  • Reggio Calabria: 1 in reparto; 7 in isolamento domiciliare; 254 guariti; 19 deceduti
  • Crotone: 112 guariti; 6 deceduti
  • Vibo Valentia: 1 in reparto; 1 in isolamento domiciliare; 76 guariti; 5 deceduti.

Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture e province che nel tempo sono stati dimeessi. È stata esclusa definitivamente la positività del caso di Crotone comunicato il 18 giugno, pertanto i positivi di Crotone ritornano ad essere 118. Il positivo intercettato a Vibo Valentia e i due positivi intercettati a Reggio Calabria sono correlati con il focolaio di Palmi. Le persone decedute vengono indicate nella provincia di provenienza e non in quella in cui è avvenuto il decesso. Il positivo intercettato a Vibo Valentia e i due positivi intercettati a Reggio Calabria sono correlati con il focolaio di Palmi.

Indicate nella provincia di provenienza le persone decedute. Non in quella in cui è avvenuto il decesso. Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 5692. Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Sanità, Sapia: “Nella nostra regione indispensabili 1.000 assunzioni”

Matteo Brancati

“Finanziare ricerca è fondamentale per sconfiggere il SARS-CoV-2”

manfredi

Cardiochirurgo in quarantena, il dott. Montilla replica alla Fimmg

Andrea Marino
Click to Hide Advanced Floating Content