Imponimento, il Riesame di Catanzaro restituisce azienda a imprenditore

usa nome del nipote-alt

La seconda sezione penale del Tribunale di Catanzaro, presieduta da Giuseppe Valea, decidendo sulla richiesta di riesame avanzata da Giovanni Fabiano, difeso e rappresentato dagli avvocati Paolino Rizzuti e Gregorio Buccolieri, avverso il decreto di sequestro preventivo emesso dal gip del medesimo Tribunale lo scorso 31 luglio, ha annullato il sequestro, ordinandone, per effetto, il dissequestro e la restituzione agli aventi diritto delle quote societarie del capitale sociale della società “Fabiano Legnami Srl”. Lo stesso Giovanni Fabiano, in qualità di amministratore della nota azienda operante nel settore del legno, è indagato nell’ambito dell’operazione “Imponimento” ed era stato arrestato all’alba del 21 luglio scorso per poi essere scarcerato dopo tre giorni.

 

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'imputato secondo l'accusa, si sarebbe fatto praticare rapporti orali da una minorenne in cambio di una somma di denaro
Operazione della Guardia di Finanza nel contrasto al lavoro sommerso. Scoperti dodici lavoratori completamente senza contratto
Torna a crescere la fiducia degli italiani verso le istituzioni, pubbliche e private, ma solo una parte raccoglie oltre la metà dei consensi
Interrogatorio di garanzia davanti al gip di Vibo. Ha risposto a tutte le domande l’ex direttrice amministrativa Valentina Amaddeo. Prodotta una memoria difensiva
L'ordinanza sulla sicurezza dei bagnanti comprende i Comuni da Simeri Crichi a Monasterace fino alla foce del torrente Assi
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
Sul posto oltre 15 unità dei vigili del fuoco che hanno lavorato per oltre un'ora nello spegnimento delle fiamme. Al via le operazioni per risalire alle cause del rogo
Sarà attivo il servizio sostitutivo via bus ma non si escludono disagi dal momento che l'intervento avviene nel periodo estivo
Avrebbero causato danni per circa mezzo milione di euro tra furto di energia elettrica e danneggiamenti ai contatori Enel
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved