Calabria7

“La statale 106 vive di disagi e la politica pensa al ponte sullo stretto”

“Il ponte sullo stretto, fantomatica priorità infrastrutturale per la Calabria secondo tutte le forze politiche di governo e di opposizione nazionale e regionale ancora non c’è. Non esiste. E, quindi, non ha provocato nessun vittima e nessun ferito e neanche alcun disagio ai cittadini calabresi. La strada statale 106, invece, solo dal ’96 ad oggi ha provocato oltre 10.500 sinistri, 25.000 feriti ed almeno 700 vittime. Mentre ieri, migliaia di cittadini, per l’ennesima volta negli ultimi mesi, in provincia di Crotone hanno dovuto subire l’ennesimo disagio indegno di un Paese civile”. Lo afferma in una nota l’associazione “Basta vittime sulla statale 106″,

“La strada statale 106 “Jonica” – scrive l’associazione – è provvisoriamente chiusa al traffico, in entrambe le direzioni, dal km 230,500 al km 235,500, ad Isola Capo Rizzuto in provincia di Crotone, a causa dell’allagamento del piano viabile” – si legge nell’ennesimo laconico comunicato stampa dell’Anas Spa… A causa di una semplice pioggia, bloccata la S.S.106 addirittura in entrambe le direzioni con il traffico al deviato su strade locali mentre il personale dell’Anas Spa presente sul posto era impegnato nella pulizia del piano viabile da fango e detriti per consentire la riapertura nel più breve tempo possibile. E i cittadini? Quelli vivevano l’ennesimo disagio a cui ormai sono abituati da decenni così come da sempre sono abituati alle solite promesse della politica “politicante” di senatori e deputati calabresi che garantiscono miliardi per ammodernare la Statale 106, soprattutto durante le elezioni, mentre poi, nei momenti decisivi lottano e s’impegnano per il Ponte sullo Stretto”.

“E pazienza se c’è un Rapporto (Svimez 2019) che smentisce questa idiozia sotto ogni profilo economico e non solo; pazienza se c’è un’intera regione Calabria a cui questo ponte non servirà mai; pazienza perfino se basterebbe solo un briciolo di buon senso per capire un fatto talmente tanto ovvio da essere facilmente compreso perfino da un bambino. L’associazione  intende ribadire ed evidenziare quanto già da sempre affermato: noi non siamo contrari alla realizzazione di questa infrastruttura ma siamo oltremodo contrariati dall’assurdità propinata dalla politica sui media da diverse settimane secondo cui il ponte sullo stretto rappresenterebbe una “priorità infrastrutturale” per la Calabria”.

“Il direttivo dell’associazione – conclude – pertanto intende denunciare le scelte sbagliate della politica che, ad ogni livello, sostiene la realizzazione di opere non prioritarie; non utili e non importanti per gli interessi generali della Calabria ma, semmai, atte a crea le condizioni affinché nulla cambi. Sulla famigerata e tristemente nota strada della morte si continuerà a morire e si continueranno ad avere disagi degni di una paese del terzo mondo come quelli visti ieri nel crotonese nell’indifferenza e nel silenzio di quanti oggi dovrebbero avere il coraggio di assumere scelte importanti e dirimenti affinché sia finalmente affrontata e risolta una tra le più grandi ingiustizie e disuguaglianze che caratterizzano la nostra regione”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Ospedali da incubo a Le Iene: minacce a sindacalisti Uil

manfredi

Davoli, concluso Progetto Occhio ai Bambini 

manfredi

Coronavirus: a Catanzaro controlli con un drone a Pasqua e Pasquetta

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content