Reddito di cittadinanza anche agli ‘ndranghetisti, 23 “furbetti” denunciati nel Vibonese

Presentavano false dichiarazioni omettendo di comunicare informazioni rilevanti come essere sottoposti a misura cautelare. Sequestro da oltre 80mila euro

di Mimmo Famularo – Il reddito di cittadinanza a Vibo Valentia e provincia finiva anche nelle tasche di ‘ndranghetisti sottoposti a misura cautelare per reati particolarmente gravi. Gente accusata di aver commesso estorsioni e rapine, violato le norme in materia di armi, spacciato e trafficato droga. All’Inps avevano inoltrato la domanda per ottenere il sussidio economico dello Stato omettendo di comunicare un piccolo dettaglio: avere qualche problema di troppo con la giustizia. A stanare i “furbetti” del reddito di cittadinanza è stata la Procura di Vibo guidata da Camillo Falvo che, al termine di articolate indagini condotte sul campo dal Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza e dalle Stazioni dei Carabinieri del Comando provinciale, ha individuato e denunciato ventitré persone che indebitamente percepivano il beneficio. Tra di loro, da quanto si apprende, c’erano anche esponenti di vertice delle locali di ‘ndrangheta sparse sul territorio. A loro e ad altri il personale della Sezione di Pg-Aliquota Carabinieri e Guardia di Finanza ha presentato il conto notificando il decreto di sequestro emesso dal Gip del Tribunale di Vibo Valentia.

Sequestro da 80 mila euro

Sequestro da 80 mila euro

Complessivamente i “furbetti” del reddito di cittadinanza dovranno restituire allo Stato oltre 80mila euro. La tecnica per ottenere il sussidio ed evadere i controlli era sempre la stessa: false dichiarazioni presentate all’atto della richiesta omettendo di comunicare le informazioni dovute e rilevanti ai fini dell’erogazione del beneficio. Qualcuno aveva persino dimenticato di comunicare di essere in stato di arresto o di fermo. Non potendo proseguire nelle attività illecite, aveva pensato di arrotondare con il reddito di cittadinanza. Non ha però fatto i conti con la Procura di Vibo che oggi ha presentato il conto. Tutte le somme indebitamente percepite dovranno adesso tornare nelle casse dello Stato per essere ridistribuite a chi ne ha per davvero bisogno.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Calabria Verde ha proceduto alla pulizia di più di 100 aste fluviali tra principali e secondarie, comprese in 30 comuni
La manovra di Heimlich può salvare vite, ma deve essere eseguita solo quando la persona non è in grado di tossire, parlare o respirare
"Un solo imprenditore che ha denunciato in piu' di 15 anni di storia della Dda di Milano. E' un record negativo che Milano si porta dietro"
Eseguito il primo impianto di un innovativo dispositivo per il trattamento elettrico dello scompenso cardiaco refrattario
In quarantanove pagine le motivazioni che hanno portato all'assoluzione dei due imputati "per non aver commesso il fatto"
"Staremo sull’Aventino fino a quando il centrodestra proseguirà con la sua arroganza. Basta ai decreti omnibus"
Nel 2018 un detenuto svelò un piano ordito per eliminare il magistrato che aveva fatto arrestare diversi esponenti di spicco della 'ndrangheta
A Catanzaro i residenti chiedono all'amministrazione di intervenire nei pressi di un manufatto abbandonato e circondato dalla spazzatura
"Il fenomeno dell'abbandono di veicoli è deprecabile sia dal punto di vista dell'igiene pubblica, che da quello dell'immagine della città"
Al termine dello sciopero è stata ottenuta la convocazione di un incontro con l’amministratore delegato della società
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved