Abramo: “Azienda unica avrebbe evitato mancato accreditamento scuole”

Criteri spesa storica, Abramo: “Nuova amministrazione prosegua causa allo Stato"

“Il caso del mancato accreditamento di alcune Scuole di specializzazione della Facoltà di Medicina dell’Università Magna Graecia si sarebbe potuto evitare con l’integrazione fra le aziende ospedaliere Pugliese-Ciaccio e Mater Domini”. Lo ha affermato il sindaco, Sergio Abramo, rinnovando “l’invito ai consiglieri regionali, di maggioranza e opposizione, a riportare in commissione e subito dopo in Consiglio la legge sull’integrazione delle due aziende ospedaliere del capoluogo, per superare i profili di criticità emersi, dopo l’approvazione della norma, e che hanno portato il governo all’impugnativa”. Il primo cittadino ha ricordato “l’impegno costante, sostenuto in prima persona insieme ai commissari per l’attuazione del piano di rientro, finalizzato a sollecitare la stesura della legge, che avrebbe ricadute positive sul sistema sanitario del capoluogo e, di conseguenza, su quello dell’intera fascia centrale della Calabria.

Il mancato accreditamento delle Scuole di specializzazione è l’ulteriore indicatore di un problema strutturale che la politica calabrese non può permettersi di non affrontare, ma che deve approcciare, in fretta, e in maniera risolutiva”. “Non ci vengano a dire i parlamentari di maggioranza al governo nazionale – ha aggiunto Abramo -, che il Decreto Calabria possa essere davvero risolutivo dei tanti problemi che attanagliano il comparto nella nostra regione. Certo, è positivo che il decreto approvato in Parlamento abbia scongiurato il blocco del turnover in tutte le regioni, ma il fatto che non siano previste nuove risorse, assolutamente essenziali, non vedo quali soluzioni a lungo termine possa prospettare in una terra che di investimenti sulla sanità ne ha un bisogno immediato e assoluto”.

Il mancato accreditamento delle Scuole di specializzazione è l’ulteriore indicatore di un problema strutturale che la politica calabrese non può permettersi di non affrontare, ma che deve approcciare, in fretta, e in maniera risolutiva”. “Non ci vengano a dire i parlamentari di maggioranza al governo nazionale – ha aggiunto Abramo -, che il Decreto Calabria possa essere davvero risolutivo dei tanti problemi che attanagliano il comparto nella nostra regione. Certo, è positivo che il decreto approvato in Parlamento abbia scongiurato il blocco del turnover in tutte le regioni, ma il fatto che non siano previste nuove risorse, assolutamente essenziali, non vedo quali soluzioni a lungo termine possa prospettare in una terra che di investimenti sulla sanità ne ha un bisogno immediato e assoluto”.

“Le parole del rettore dell’Ateneo catanzarese, Giovambattista De Sarro – ha concluso il sindaco – non possono non indurre ad una riflessione personale. Le sue dichiarazioni potrebbero sminuire la professionalità dei primari delle aziende ospedaliere e non rappresentare una buona base di partenza per l’integrazione, dal momento che quando il Consiglio regionale varerà una legge regionale che superi le problematiche di quella attuale, sarà proprio lui, come rappresentante dell’Università, a dover pianificare con la Regione, il commissario Cotticelli e il Pugliese-Ciaccio la nascita di un’azienda unica. Se il suo è stato un modo per mettere le mani avanti, non lo condivido: c’è bisogno che tutti dimostrino senso di responsabilità per lasciarsi alle spalle questo stallo”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Dalle verifiche "non risultano compromissioni o furto di dati", ma i tecnici sono comunque "impegnati per mitigare le conseguenze dell'attacco"
L'intervento, per il quale saranno impiegati circa 9,2 milioni di euro, sarà realizzato su un'area di circa 18.000 metri quadrati
Sono previsti temporali anche di forte intensità, con frequente attività elettrica
I giudici hanno respinto l'appello avanzato dalla Procura di Catanzaro con cui si insisteva sul sequestro preventivo dell’area del Beltrame
Lo spettacolo si replicherà in altre cinque località calabresi, grazie al sostegno del Consiglio regionale
Il Procuratore di Catanzaro e lo storico presenteranno domani mattina il loro ultimo libro “Fuori dai confini”
La segreteria regionale del Pd si è riunita per organizzare le iniziative da mettere in cantiere nei prossimi mesi
Il Tribunale di Reggio ha inflitto al 66enne 4 anni ed 8 mesi. Condannate anche la moglie ed una figlia
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved