Corte dei Conti revoca maxi sequestro beni a due ex manager del “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro

Revocato il sequestro dei beni mobili e immobili per un valore di oltre cinque milioni di euro
dialisi catanzaro

La Corte dei Conti ha revocato il sequestro dei beni mobili e immobili per un valore di oltre cinque milioni di euro che era stato disposto il 27 marzo scorso dalla Sezione giurisdizionale dello stesso organo di giustizia contabile a carico di due dirigenti dell’ex azienda ospedaliera “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro, Elga Rizzo, di 53 anni, e Vittorio Prejanò, di 67, per un presunto danno erariale alle casse dell’ente. I due manager sono difesi dagli avvocati Alfredo Gualtieri e Luigi Combariati.

I fatti contestati ai due dirigenti risalgono a circa dieci anni fa e riguardano Il mancato introito di ingenti somme da parte dell’ex Azienda ospedaliera a causa di un accordo transattivo stipulato nel 2014 con la casa di cura privata “Villa Sant’Anna” in relazione ai crediti vantati dall’Azienda nei confronti della clinica per la cessione di sangue e prodotti emoderivati.

Le motivazioni del dissequestro

La Corte ha disposto il dissequestro affermando che “le argomentazioni accusatorie risultano parziali” e che “non è scontato che Elga Rizzo e Vittorio Prejanò”, difesi rispettivamente dagli avvocati Alfredo Gualtieri e Luigi Combariati, “abbiano agito ‘motu proprio’ in quanto la transazione con la casa di cura ‘Villa Sant’Anna’ prende avvio da una richiesta interna del direttore del Centro trasfusionale dell’ex Azienda ospedaliera, che era il soggetto competente per materia sul servizio dei prodotti emoderivati”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
E' stato insignito di ben due premi per i record di pista nella categoria OKN-J, ottenuti nei due circuiti calabresi
Promotrice della manifestazione, il vicesindaco Iemma, con la collaborazione di Sieco e degli assessorati all’Ambiente e Pubblica istruzione
Nonostante il pronunciamento della Corte di Cassazione che aveva annullato con rinvio l'ordinanza cautelare. E' accusato di concorso esterno
storie
Torna alla memoria un vecchio episodio raccontato durante la visita a Catanzaro sul terrazzo del San Giovanni che oggi porta il suo nome
I particolari dell'inchiesta "Arangea" che ha portato all'arresto di 12 persone per associazione mafiosa, estorsione e trasferimento fraudolento di valori
Protagonisti della struggente storia di umana solidarietà il prete degli ultimi don Peppino Fiorillo e il cittadino Ceco Norbert Ludrouoskj
Servizio ad alto impatto della Compagnia Carabinieri di Lamezia. Controlli nelle aree della movida: scattano denunce e sanzioni
La Procura di Catanzaro aprirà un fascicolo d'indagine sull'incidente e nel frattempo ha provveduto a sequestrare i due mezzi coinvolti
Nella puntata andata in onda ieri sera Report ha rispolverato quello che viene definito il quinto scenario, ovvero la pista israeliana
Le indagini hanno permesso di ricostruire dinamiche e assetti di un’articolazione di ndrangheta facente capo ad una “locale” operante nel territorio del comune
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved