Calabria7

Ergastolo ostativo: Morra “Lavoriamo a legge che lasci boss in cella”

dichiarazioni morra

I boss mafiosi “devono restare in carcere”. Ed è per garantire questo obiettivo che “io ed i miei colleghi delle commissioni Antimafia, Giustizia, Affari costituzionali e Diritti umani stiamo lavorando ad un testo di legge che, recependo le giuste osservazioni della Corte costituzionale, non dimentichi che noi siamo in guerra con la mafia”.

Ad annunciarlo è il presidente della commissione Antimafia, Nicola Morra, in un video postato su Facebook a pochi giorni dalla sentenza della Consulta sul cosiddetto ‘ergastolo ostativo’.

“Siamo in guerra con la mafia – spiega Morra – da prima del 1982, anno in cui la nostra legislazione penale ha riconosciuto la necessità di un ‘doppio binario’ affiancando all’associazione a delinquere semplice l’associazione a delinquere di stampo mafioso. Ed è inaccettabile minare ora questo principio come se i detenuti per mafia fossero detenuti comuni”.

Da qui – conclude Morra –  la necessità di un testo “ineccepibilmente coerente con i valori della nostra Carta costituzionale”, capace di “coniugare i diritti sacrosanti della persona con i doveri di tutela, di precauzione e di prudenza propri del legislatore chiamato a tutelare la comunità”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Sanità, De Magistris: garantire funzionamento ospedali di Trebisacce, Praia a Mare e Cariati”

bruno mirante

Coronavirus, “In Calabria la curva scenderà in tre settimane”

Mirko

Emergenza Coronavirus, il presidente Spirlì ha chiesto gli ospedali da campo

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content