Calabria7

Forza Italia, prosegue il botta e risposta Tallini-Siclari

Prosegue il botta e risposta, all’interno di Forza Italia, tra Domenico Tallini e Marco Siclari, riguardante le prossime elezioni regionali e non solo.

Nella giornata di ieri, Siclari aveva risposto al primo comunicato di Tallini con parole chiare e decise:

«In tutte le regioni ci siamo presentati con la naturale alleanza di centro destra ed abbiamo vinto ovunque. Il nostro leader Silvio Berlusconi è stato sempre chiaro e sostiene in ogni occasione l’importanza della coalizione di centrodestra e per questa ragione si sta lavorando per riorganizzare il partito. Dobbiamo essere i primi a rafforzare la posizione del partito e del Presidente considerando che noi, come Forza Italia, siamo i fondatori del centrodestra e siamo i primi a voler tutelare quest’alleanza con la Meloni e con Salvini che non è mai stata mai messa in discussione per la scelta dei candidati a governatore delle diverse regioni. Sono certo che questa alleanza non si romperà per la scelta del candidato a Governatore in Calabria o per il candidato a Sindaco della città metropolitana di Reggio Calabria. I vertici nazionali dei partiti della coalizione sapranno certamente trovare un accordo come sempre accaduto in tutte le regioni. Se qualcuno corre da solo, sono certo, che non sarà il candidato di Forza Italia perché il candidato per la regione Calabria si fa in coalizione come accaduto nelle altre regioni.

Certamente ognuno è libero di candidarsi e portare avanti le proprie battaglie, ma siamo sempre uomini di partito. Voglio ricordare che sin dall’inizio ho dato il mio parere favorevole alla proposta della candidatura di Mario Occhiuto ma, appunto, è una proposta da valutare prima con i vertici nazionali del nostro partito e successivamente con i nostri alleati della coalizione di centro destra e, non di certo per correre da soli. Mario è una persona che stimo, un bravo sindaco e sta lavorando bene, ma la Calabria si governa uniti».
Il senatore forzista Marco Siclari chiarisce la sua posizione, coerente a quella del partito nazionale e dagli alleati di centrodestra, chiarisce e rassicura gli elettori e gli amministratori di Forza Italia in Calabria, circa la dichiarazione di Occhiuto a correre anche senza la Lega e FDI al prossimo importante appuntamento con le urne in Calabria.

«La nostra regione, inoltre, è al collasso in ogni suo settore e anche questo decreto Calabria, che sarà in Senato il 18 giugno, peggiorerà l’assistenza sanitaria calabrese perché non riserva alcuna risorsa per le strutture pubbliche e private, per lo sblocco del turn over e per i piani di emergenza sanitaria. Mancano 1410 medici, 2800 infermieri, 1000 tecnici sanitari e nel decreto non vi è traccia di risorse per aumentare l’organico che manca nelle strutture. Per il 18 giugno ho lanciato a Roma, a Piazza Montecitorio, la prima manifestazione calabrese a tema a supporto della sanità e del diritto alla salute dei calabresi ed hanno aderito tutte le associazioni di categoria del settore, l’ordine nazionale dei biologi e molti altri. È la manifestazione per la Calabria dove vivono due milioni di calabresi che hanno bisogno di garanzie, da parte del Governo, per il diritto alla salute migliorando questo decreto. I nostri alleati del centrodestra, e la Lega in particolare modo, ascoltino i rappresentanti del settore sanità della Calabria, dai Medici ospedalieri alle aziende private convenzionate che danno lavoro a 3.000 professionisti e compensano la mancanza del pubblico fino ai cittadini che saranno in piazza giorno 18. Per il resto sono certo di non contraddire nessuno», ha concluso il senatore azzurro.

LA CONTROREPLICA DI DOMENICO TALLINI

“Il senatore Siclari, se ho ben compreso il senso della sua garbata replica, si ritrova convintamente nella candidatura a governatore del sindaco Mario Occhiuto, augurandosi che questa sia poi condivisa dall’intero centrodestra. Se questa è la sua posizione, sappia che questa è anche la posizione del coordinamento regionale di Forza Italia. Abbiamo atteso le elezioni europee, come da lui stesso suggerito, per riconfermare tale indicazione, nel convincimento che nessun partito del centrodestra è uscito autosufficiente dalle urne.
Il nostro partito, con molta responsabilità, ha cercato di dare un contributo di chiarezza, senza nessuna forzatura, allo scopo di evitare allo schieramento scelte all’ultimo istante che poi si traducono in sonore sconfitte, come avvenuto per Abramo nel 2005 e per Wanda Ferro nel 2014.

L’attivismo di Mario Occhiuto è rispettoso di questo percorso e risulterà molto prezioso, intanto perché gli permette di mettere a punto un programma condiviso con la gente e dall’altro canto di allargare i confini della coalizione ai “civismo”. E’ un candidato che vuole farsi trovare pronto a governare. Ho avuto modo di seguire la sua conferenza stampa di presentazione dei Comitati civici a suo sostegno e devo dire di non avere registrato nemmeno una parola fuori posto nei confronti degli alleati naturali della Lega e Fratelli d’Italia.

Al senatore Siclari voglio dire che prendo atto della sua storia all’interno di Forza Italia, che nessuno intende disconoscere, ma la mia critica era rivolta alla sua recente tentazione di agire solitariamente. Anche la sua lodevole iniziativa contro il Decreto Calabria poteva essere condivisa dall’intero partito calabrese.
Ora, fatta chiarezza su questi aspetti, attendo con fiducia che il senatore Siclari, assicurando la sua partecipazione ai lavori del coordinamento, contribuisca al rafforzamento del nostro partito in Calabria e alla costruzione dello schieramento che ci auguriamo porti Mario Occhiuto alla presidenza della Regione”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Scontro tra due auto, un ferito nel Catanzarese

Matteo Brancati

“Preghiamo l’Anas affinché si materializzi la rotatoria di Giovino”

Carmen Mirarchi

Santa Caterina dello Ionio, gruppi minoranza chiedono verifiche per centro diurno fantasma

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content