Mangia funghi velenosi, muore per insufficienza epatica e renale

La donna si era sentita male dopo un pranzo a base di funghi. Non è escluso che venga eseguita l'autopsia prima della restituzione della salma

Si chiamava Annunziata Moriero, 65 anni, di Roma, la donna morta nel Policlinico ‘Gemelli’ di Roma dopo aver mangiato dei funghi velenosi. Alcuni giorni fa, nella frazione di Cavagnano di Montereale (L’Aquila), poco più di 2 mila abitanti ai confini con il Lazio, la donna si era sentita male dopo un pranzo a base di funghi.

Muore per insufficienza epatica e renale

Muore per insufficienza epatica e renale

Trasferita in elicottero all’ospedale dell’Aquila, era poi stata trasportata a Roma e ricoverata al ‘Gemelli’ con una grave insufficienza epatica e renale. Il quadro e poi precipitato per insufficienza respiratoria. Subito intubata la paziente e’ morta dopo poco. Non è escluso che venga eseguita l’autopsia prima della restituzione della salma alla famiglia.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L’associazione catanzarese Cam Gaia: “A fianco delle vittime… non siete sole. Abbiamo mezzi e strumenti per tutelarvi” 
L'uomo si è reso protagonista di numerosi atti vandalici e anche di una serie di aggressioni nei confronti di alcuni cittadini
A bordo del veicolo tre ragazzi, uno dei quali minorenni. Feriti i due poliziotti che hanno intimato l'alt al conducente
Un velista spagnolo disperso e due diportisti soccorsi da Guardia Costiera a Roccella Ionica e Crotone
Era stato rilasciato dal carcere di Vibo con l'obbligo di dimora ma aveva fatto perdere le proprie tracce
Si tratta dell'indagine della Procura di Vibo sui rifiuti smaltiti illecitamente nei terreni agricoli. Undici gli indagati
Il suo movimento “Sud chiama Nord” accanto al candidato a sindaco di Centro Francesco Muzzopappa
La Corte di assise di Catanzaro spiega, nel motivare la sentenza, le ragioni dell'esclusione dei futili motivi e della premeditazione
Entrambi erano finiti a processo dopo una denuncia presentata dalla minoranza nel 2020. Il Tribunale di Vibo: "Il fatto non sussiste"
Superficie di 10mila metri quadrati modificata in maniera permanente tramite terrazzamenti alti più di 20 metri
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved