Michele Reina, vittima di mafia 45 anni fa: gli studenti del liceo Filolao di Crotone ne ricordano l’omicidio

L’iniziativa è Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani. Reina è stato il primo politico siciliano del ‘900 ucciso dalla criminalità organizzata

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani (CNDDU), in occasione del 9 marzo, ricorrenza dell’omicidio del segretario provinciale della Democrazia Cristiana, Michele Reina, primo politico siciliano del novecento ucciso dalla mafia, avvenuto nel 1979 a Palermo, intende ricostruirne la storia attraverso l’elaborato degli studenti della classe I sez. D del Liceo scientifico Filolao di Crotone. “Oggi rendiamo omaggio a Michele Reina che, durante la sua vita, ha lottato per rompere gli accordi tra la mafia e la politica. Uomo politico, esponente della Democrazia Cristiana, grazie al suo operato fu apprezzato dai palermitani. Lui divenne la prima delle tante vittime di Cosa Nostra nella storia del capoluogo siciliano”, sostiene il CNDDU.

L’omicidio di Michele Reina

L’omicidio di Michele Reina

Palermo, erano da poco passate le 22:30 del 9 Marzo del 1979 quando il segretario provinciale Reina aveva appena lasciato la casa di un amico e stava salendo in auto, dove lo attendevano la moglie Marina e una coppia di amici. Due sicari si avvicinarono e gli spararono tre colpi secchi di calibro 38 che colpirono il collo, la testa e il torace. Dopo l’agguato, gli assassini scapparono a bordo di una Fiat Ritmo rubata poche ore prima e così, a l’età di soli 48 anni, Michele Reina perse la vita lasciando la moglie e i suoi 3 figli. Dopo circa una un’ora, l’omicidio venne rivendicato dalle “Brigate Rosse”.

Le indagini andarono avanti per lungo tempo, fino a quando nel luglio del 1984, davanti a Giovanni Falcone, Tommaso Buscetta, diventato collaboratore di giustizia, diede importanti informazioni su Cosa Nostra e rivelò che il mandante dell’omicidio di Michele Reina fu Salvatore Riina. La sua morte fu solo l’inizio di una lunga serie di delitti che Cosa Nostra ha compiuto tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta.

“Reina grazie alla sua perseveranza e alla sua determinazione, per il suo impegno civile e politico rimarrà un esempio per tutti coloro che assumono ruoli istituzionali e che vogliano intraprendere un percorso politico che punti sull’onestà e sull’incorruttibilità”, afferma il CNDDU.

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani invita a ricordare tutti i martiri della legalità e soprattutto a conoscere i progetti e le azioni connesse al loro operato. Chi come Michele Reina merita tutta la nostra riconoscenza e maggiore attenzione mediatica e delle autorità per gli ideali nobili in cui credeva. Il CNDDU invita nuovamente gli studenti e i docenti ad aderire al progetto #inostristudentiraccontanoimartiridellalegalità. Gli elaborati possono essere segnalati al CNDDU che li renderà visibili sui propri canali social (email: coordinamentodirittiumani@gmail.com)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved