Calabria7

Polizia, Siulp: “La gestione alla questura di Catanzaro è inadeguata”

siulp mascherine

​Il Siulp invoca l’intervento dei parlamentari calabresi “affinché si impegnino a trasferire al Capo della Polizia ed al ministro Lamorgese il malessere ed il disagio vissuto dai poliziotti catanzaresi generato da una gestione arrogante, inadeguata e totalmente decontestualizzata dal territorio dal quale provengono continue richieste di sicurezza”. E’ quanto scrive il segretario generale provinciale del sindacato di Polizia Siulp, Gianfranco Morabito.

“Così come oramai facciamo da più di due anni, siamo ancora una volta costretti – prosegue – a denunciare l’incapacità gestionale ed organizzativa con cui vengono predisposti delicati servizi da parte della Questura di Catanzaro. Se in quel di Livorno i colleghi di quella questura lamentano la necessità di autotassarsi anticipando le spese di viaggio e di vitto per se stessi e per i cittadini extracomunitari raggiunti da provvedimento di espulsione, presso la Questura di Catanzaro i colleghi non sono da meno. Il problema potrebbe apparire come una questione in cui la gestione periferica di siffatte emergenze sia da attribuire, alla radice, ad una non corretta gestione di tale emergenza in sede centrale. Anche noi in un primo momento avevamo considerato questa eventualità come una causa di diffusa emergenzialità cui gli apparati ministeriali avrebbero dovuto porvi rimedio. Analizzando, però, il contesto livornese in confronto a quello catanzarese, abbiamo dovuto ricrederci poiché le soluzioni adottate in entrambe le realtà sono accomunate da un identico soggetto passivo, ovverosia l’operatore di polizia impiegato nei servizi quando l’efficienza delle misure adottate. Se in quel di Livorno i Colleghi sono costretti a mettere a bilancio delle proprie spese familiari anche le spese inerenti alle missioni per l’accompagnamento dei cittadini extracomunitari da espellere ed alle loro personali esigenze alimentari, a Catanzaro i poliziotti sono costretti a mettere a repentaglio non solo la propria incolumità quanto quella della sussistenza economica del proprio nucleo familiare che è costretto a subire gli effetti di una gestione organizzativa senza regole da parte della Questura”. Per il Siulp, “prevedere l’impiego di un operatore di Polizia per 19 ore consecutive di servizio di scorta ad un extracomunitario senza alcun tipo di assistenza per se stessi e per il soggetto scortato, se non solo quello (ahimè solo cartaceo) di natura sanitaria per il cittadino, mette a repentaglio non solo l’efficienza del servizio in se e per se, quanto l’incolumità degli Operatori impiegati per 19 ore continuative di servizio, ove, a causa di plausibili cali di attenzione possono consentire una possibile reazione inusitata dello scortato”. Il sindacato spiega che lo scorso 1* febbraio la Questura di Catanzaro avrebbe dovuto provvedere alla scorta ed accompagnamento di un cittadino nigeriano presso il centro rimpatri di Ponte Galeria di Roma in quanto era stato programmato il suo imbarco congiunto per il rimpatrio e di altri suoi connazionali dall’aeroporto di Fiumicino con decollo programmato alle ore 11. “La Questura di Catanzaro – si legge nella nota – nel predisporre un idoneo servizio, ha ritenuto di dare corso al servizio di scorta ed accompagnamento impiegando due operatori, non in missione ma in Ordine Pubblico fuori sede, fin dalle ore 18,00 del giorno precedente, in modo tale che essi stessi provvedessero al prelievo del detenuto presso la casa circondariale di Siano, si adoperassero per la vigilanza del medesimo prima dell’inizio del viaggio programmato per le ore 24, svolgessero il servizio di scorta ed accompagnamento a bordo di auto di servizio condotta da uno dei due Operatori, raggiungessero la località di Ponte Galera in Roma, provvedessero alla vigilanza del detenuto fino al suo accompagnamento all’aeroporto di Fiumicino e regolarizzassero le procedure di imbarco, concludendo tale fase del loro servizio intorno alle ore 13,00 del giorno successivo. Naturalmente a conclusione di questa “maratona” fare rientro in sede. Fortunatamente l’esito del servizio, grazie alle capacità individuali ed alla professionalità posseduta dai due operatori impiegati, ha evitato il verificarsi di qualsivoglia “inconveniente”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro, Mauro: “Abramo non c’entra, ha il dovere di continuare”

Andrea Marino

In fiamme magazzino deposito nel Catanzarese

manfredi

Coronavirus, parla il fratello del medico catanzarese che cura Johnson: “Orgogliosi”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content