Calabria7

Porto Catanzaro, Riccio: “Perchè non ammettere cronoprogamma sbagliato?”

“Se appare ormai del tutto evidente l’assoluta ineducazione politica e istituzionale dell’assessore comunale all’Urbanistica, Modestina Migliaccio Santacroce, risulta essere altresì palese che la stessa delegata di giunta, nell’argomentare la sua attività politica e amministrativa, non riesca mai a dire la verità. Non volendo fare polemiche, che ai cittadini non interessano, cercherò di attenermi ai fatti.”

Lo afferma così Eugenio Riccio rivolgendosi all’assessore Santacroce.

“Il 17 ottobre 2017 – continua Riccio -, incontrando in Comune i rappresentanti sindacali degli stabilimenti balneari, l’assessore Migliaccio Santacroce garantiva che “entro la prossima stagione balneare tutti gli stabilimenti balneari avrebbero dovuto adeguarsi al Piano spiaggia”. Risultato? Sono trascorsi circa tre anni e di adeguamenti neanche l’ombra. Anzi, diversi stabilimenti balneari continuano ad essere “palafitte” stile anni ’50.

Stessa cosa dicasi per l’allineamento dei lidi al lungomare di Giovino, aspetto previsto e rimandato sine die dall’illuminato governo dell’assessore all’Urbanistica. Va detto che la Migliaccio Santacroce è anche l’assessore che, sotto il suo mandato, ha visto l’amministrazione comunale  concedere nuove “autorizzazioni” per stabilimenti balneari in aree a rischio idrogeologico sottraendo, ritengo “illegalmente”, le spiagge libere alla fruizione dei cittadini.

Ma che dire della gestione dei lavori del Porto se non che, sotto la sua “cabina di regia (politica)”, e sotto il suo naso, sono state realizzate opere abusive, sembrerebbe da parte dello stesso Comune, poi denunciate dalla Capitaneria di Porto e fatte demolire?

Ancora – afferma Riccio – , per aggravare il quadro nei confronti dell’assessore, va sottolineato come la stessa Migliaccio Santacroce, nel giugno di quest’anno, e tramite la stampa, avesse informato la cittadinanza, urbi et orbi, che entro il mese di luglio sarebbe stato consegnato, e quindi approvato, il progetto definitivo del Porto.

Chiaramente non c’è stato il seguito di una delibera di giunta che approvasse la progettazione definitiva per i lavori di completamento dell’infrastruttura. Forse perché nello stilare il cronoprogramma qualcuno (Regione e Comune), dall’alto della propria saccenteria e ignoranza,  si è dimenticato che la progettazione necessita dell’autorizzazione di impatto ambientale il cui rilascio, che adesso sembrerebbe non spettare più alla Regione, ma al Ministero, ha bisogno di tempi piuttosto lunghi ?

Ci si è forse dimenticati che, per questo stesso motivo, la mancata richiesta di valutazione impatto ambientale, il Comune di Catanzaro ha, nel recente, già perso un finanziamento di circa venti milioni di euro per il completamento del Porto  ?

Come mai, se c’è, l’assessore non pubblica l’eventuale “nuovo” cronoprogramma per chiarire quando e se si completeranno i lavori del Porto la cui fine, con un ritardo accertato di circa due anni, è prevista per l’8 marzo 2021? E se un minimo di onestà intellettuale non guasterebbe non farebbe prima il nostro assessore ad ammettere CHE IL CRONOPROGRAMMA E’ STATO SBAGLIATO CLAMOROSAMENTE ???

Non riesce proprio a dire la verità, la Migliaccio Santacroce, e non solo perché risulta inadeguata alla carica che ricopre, ma anche perché non riesce a programmare la realizzazione dei lavori del Porto con la gestione degli specchi d’acqua e dei pontili laddove la concessione per questi ultimi scadrà ad agosto 2020.

Dunque: in che modo la tempistica per la realizzazione dei lavori del Porto andrà a incidere sulla gestione di pontili e specchi d’acqua? Rischia, forse, la nostra città, che cotanta inadeguatezza dell’assessore le faccia perdere uno strumento fondamentale per lo sviluppo e l’immagine qual è la gestione interna del Porto con i suoi pontili e specchi d’acqua?

Non me ne voglia – conclude Riccio -, l’assessore Migliaccio Santacroce, non ho nulla di personale nei suoi confronti, ma non ho potuto fare a meno di notare, dal suo profilo Facebook, che ha spacciato una foto del lungomare di Bari per una cartolina del nostro quartiere Lido. Così facendo ha chiaramente dimostrato di non aver mai visto il quartiere marinaro e il Porto.

Io, che nel mio quartiere, mi considero un turista 365 giorni all’anno, la invito nel nostro quartiere marinaro: le farò da cicerone per una visita guidata ovviamente gratuita”.

(redazione Calabria7)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Terremoti, nuova lieve scossa nel Catanzarese

manfredi

Attesa a Diamante e Soverato per “Dialoghi Mediterranei”

Matteo Brancati

Regionali, altro passaggio a Destra? Forse si, quello di Lostumbo in Fi

Danilo Colacino
Click to Hide Advanced Floating Content