Calabria7

Beni religiosi, a Catanzaro torna l’iniziativa ‘Chiese aperte’

Domani a Catanzaro si terrà la seconda edizione di ‘Chiese Aperte’, il tour guidato promosso dalla Camera di Commercio del capoluogo calabrese e realizzata in collaborazione con l’Arcidiocesi di Catanzaro-Squillace. Si tratta di un’iniziativa legata alle celebrazioni per la festa del patrono di Catanzaro, San Vitaliano, con la quale sarà possibile visitare, in maniera gratuita, alcune delle più belle chiese del centro della città. ‘Chiese Aperte’ prenderà il via domani sera alle ore 20, per concludersi a mezzanotte.

Il percorso congiungerà cinque chiese e il Museo diocesano di Arte Sacra di Catanzaro; ad accompagnare i gruppi di visitatori (partenze previste ogni 50 minuti dal Museo diocesano e dalla chiesa di Santa Maria del Mezzogiorno), le guide turistiche dell’associazione Cillene, che già nella passata edizione si sono occupate di far conoscere le chiese catanzaresi. In questa seconda edizione, in particolare, sarà possibile visitare, oltre al Museo Diocesano e alla chiesa di Santa Maria del Mezzogiorno, le chiese del Carmine, Santa Maria Bambina (Montecorvino), San Nicola e San Rocco.

Secondo il presidente della Camera di Commercio di Catanzaro, Daniele Rossi, “questa iniziativa, che abbiamo allestito grazie alla collaborazione dell’arcivescovo metropolita, monsignor Vincenzo Bertolone che ringrazio per l’entusiasmo con cui ha sposato il progetto, serve a creare consapevolezza su ciò che Catanzaro può offrire. Un piccolo esempio di come la città di Catanzaro, la sua provincia e la Calabria possono costruire un’offerta culturale da veicolare nei circuiti turistici locali, nazionali e internazionali: non servono risorse immense, basta avere la voglia di costruire dei progetti misurati su ciò di cui già disponiamo”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Autobus Amc in “sosta forzata” a Catanzaro

manfredi

Doppia preferenza di genere, Pollastrini: “La Regione non deve deludere”

Matteo Brancati

“Perimetrazione Germaneto e Giovino non sfugga da trasparenza nella costruzione atti”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content