‘Caso Striano’ nel processo Breakfast, Speziali: “Peggiorata la sua posizione di indagato”

"Vorrei proprio capire come sono state ottenute notizie apparentemente vitali per l'inchiesta la quale mi ha riguardato"
vincenzo speziali

“Che le indagini siano state svolte in modo non chiaro l’ho sempre sostenuto. Oggi, ci sarebbe ulteriore riprova, tenendo in debito conto le dichiarazioni di Striano, il quale – tentando di difendersi per il suo discutibile operato – a mio modesto parere peggiora la sua posizione di indagato. In uno Stato di diritto, laddove esistono norme, leggi e procedure, è normale affermare che si è proceduto “in maniera poco ortodossa e forse pure alla carlona? Chi ha sofferto ingiustamente, deve faticare parecchio per far sentire la proprio giusta voce e le sacrosante ragioni, oltre ad invocare verità e giustizia”. Lo scrive in una nota Vincenzo Speziali, responsabile regionale Calabria e membro della Direzione nazionale dell’UdC.

“Contro il sottoscritto – afferma Speziali – ci sono stati atti di cui l’autorità di giustizia libanese sta perseguendo in un autonomo e naturale (anche in virtù che il giudice naturale è proprio a Beirut) procedimento, poiché tutto è basato su documenti ufficiali che erano stati contestati a me e dai miei legali inviati a norma di legge. Potrei elencarli tutti, eppure mi rimetto correttamente alla competente magistratura di Beirut, della quale ho rispetto e fiducia. Certo, adesso, persino Striano (che firmò moltissime e informative e venne audito nel processo Breakfast, per ben quattro volte), aggiunge un tocco di ulteriore ‘noir’, su cui però io non ho né dubbi, né incertezze”.

“Contro il sottoscritto – afferma Speziali – ci sono stati atti di cui l’autorità di giustizia libanese sta perseguendo in un autonomo e naturale (anche in virtù che il giudice naturale è proprio a Beirut) procedimento, poiché tutto è basato su documenti ufficiali che erano stati contestati a me e dai miei legali inviati a norma di legge. Potrei elencarli tutti, eppure mi rimetto correttamente alla competente magistratura di Beirut, della quale ho rispetto e fiducia. Certo, adesso, persino Striano (che firmò moltissime e informative e venne audito nel processo Breakfast, per ben quattro volte), aggiunge un tocco di ulteriore ‘noir’, su cui però io non ho né dubbi, né incertezze”.

L’informativa della Dia

“La Cassazione libanese – aggiunge Speziali – ha smentito di già nel settembre del 2015 una informativa della Dia di Roma sul mio conto (laddove asserivano i responsabili del Centro Operativo della Capitale che forze dell’ordine libanesi avevano chiesto loro informazioni circa il mio conto, mentre non vi è mai stato ciò è il tutto lo asserisce lo stesso procuratore generale della Suprema Corte di Beirut, in un suo pronunciamento ufficiale e da me recapitato per via diplomatica); così come rimane agli atti la smentita delle autorità emiratine di un altro non illustre teste d’accusa, ovvero il faccendiere Paolo Costantini, il quale asseriva miei costanti viaggi negli stessi Emirati, mentre viceversa mai là mi sono recato nella mia vita”.

“Adesso, con questo caso di Striano – stante le di lui dichiarazioni – vorrei proprio capire come sono state ottenute notizie apparentemente vitali per l’inchiesta la quale mi ha riguardato (inducendomi dolori strazianti e ingiusti) e tali informative sarebbero state presumibilmente valutate di pregio investigativo”.

“In ogni modo, persino su ciò mi riservo già domani di contattare il mio legale libanese e di richiedere urgentemente nei prossimi giorni, non appena rientro a Beirut per le vacanze della Santa Pasqua (io sono credente!), una ulteriore audizione, nel caso la locale magistratura inquirente, desiderasse chiarimenti, che potrei dare sulla base dei documenti ufficiali (giammai mie illazioni assertive) che hanno a loro disposizione e dal sottoscritto consegnare, con tanto di traduzione asseverata. Certo, so di andare incontro a possibili conseguenze – conclude Speziali – ma qualora si dovessero verificare ai miei danni, sarebbero dovute ad un’azione anticostituzionale, la quale è già sotto gli occhi di tutti”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved