In duecento a Catanzaro per chiedere il cessate il fuoco in Palestina

Shukri, palestinese da anni residente in Calabria; "La storia ha già condannato Israele"

Circa 200 persone hanno partecipato a Catanzaro alla manifestazione per il cessate il fuoco in Palestina organizzato da una rete di gruppi e associazioni. Un corteo è partito da piazza Matteotti dopo che sulla parte soprastante il monumento simbolo della città, il Cavatore, è stata issata una bandiera palestinese, per giungere tra canti, urla e striscioni a sostegno del popolo palestinese fino a piazza Prefettura. “Libera Palestina, stop ai bombardamenti su Gaza, basta genocidio, Gaza oggi è un cimitero la striscia è un tappeto di morti”, sono solo alcune delle frasi scritte sui cartelli e scandite durante la marcia.

“Oggi – ha spiegato Pino Commodari in rappresentanza di Potere al popolo tra gli organizzatori della mobilitazione – siamo qui per manifestare il nostro sostegno al popolo palestinese e condannare lo stato israeliano che sta perpetrando un vero e proprio genocidio bombardando la Palestina. Condanniamo in maniera chiara le posizioni dei governi occidentali e il Parlamento italiano in tutta la sua interezza. A Gaza non c’è solo Hamas, c’è il popolo Palestinese che ha il diritto di difendersi dopo oltre 70 anni di attacchi”. “Ho sperato – ha detto Shukri, palestinese da anni residente in Calabria nel suo intervento – che le cose potessero migliorare. Ma tutto andava a peggiorare. Sono stanco di essere presentato come la parte che fa ingiustizie. Io sono la parte che subisce. Ogni volta il palestinese – ha aggiunto – viene presentato come il terrorista mentre l’israeliano è il poverino che è venuto dopo l’olocausto. Loro sono venuti, ci hanno cacciato e ci hanno preso la terra, mentre io sono stato cacciato da casa mia. Come fanno a morire i nostri bambini tutti i giorni ed essere definiti terroristi senza aver fatto nulla? La storia ha già condannato Israele. Noi – ha detto ancora – vogliamo vivere in pace a Gaza. Non hanno lasciato una sola pietra su un’altra. I palestinesi hanno sogni come gli altri eppure non hanno nessun diritto. Oggi è diventata una bestemmia anche chiedere la tregua”. 
   

“Oggi – ha spiegato Pino Commodari in rappresentanza di Potere al popolo tra gli organizzatori della mobilitazione – siamo qui per manifestare il nostro sostegno al popolo palestinese e condannare lo stato israeliano che sta perpetrando un vero e proprio genocidio bombardando la Palestina. Condanniamo in maniera chiara le posizioni dei governi occidentali e il Parlamento italiano in tutta la sua interezza. A Gaza non c’è solo Hamas, c’è il popolo Palestinese che ha il diritto di difendersi dopo oltre 70 anni di attacchi”. “Ho sperato – ha detto Shukri, palestinese da anni residente in Calabria nel suo intervento – che le cose potessero migliorare. Ma tutto andava a peggiorare. Sono stanco di essere presentato come la parte che fa ingiustizie. Io sono la parte che subisce. Ogni volta il palestinese – ha aggiunto – viene presentato come il terrorista mentre l’israeliano è il poverino che è venuto dopo l’olocausto. Loro sono venuti, ci hanno cacciato e ci hanno preso la terra, mentre io sono stato cacciato da casa mia. Come fanno a morire i nostri bambini tutti i giorni ed essere definiti terroristi senza aver fatto nulla? La storia ha già condannato Israele. Noi – ha detto ancora – vogliamo vivere in pace a Gaza. Non hanno lasciato una sola pietra su un’altra. I palestinesi hanno sogni come gli altri eppure non hanno nessun diritto. Oggi è diventata una bestemmia anche chiedere la tregua”. 
   

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
Un evento che ha riunito i congregari presenti, finalizzato all’approvazione dei documenti contabili dell'associazione
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved