In pensione prefetto di Vibo Valentia che catturò Provenzano

Il prefetto di Vibo Valentia, Giuseppe Gualtieri, lascia la guida dell’Ufficio territoriale di Governo e va in pensione. Nominato nel luglio scorso dal Consiglio del ministri, su proposta del Ministero degli Interni, Giuseppe Gualtieri, 65 anni, di Catanzaro, conclude a Vibo Valentia la propria prestigiosa carriera che l’ha visto entrare in polizia nel 1983 arrivando a dirigere le Squadre Mobili di Reggio Calabria (sezione di Gioia Tauro) e Vibo Valentia, oltre al commissariato di Siderno.

Da capo della Squadra Mobile di Palermo ha arrestato il boss a capo di Cosa Nostra, Bernardo Provenzano, latitante da oltre 40 anni. E’ stato questore a Trapani, Catania, Caserta e Potenza. Per meriti speciali nel 2017 è stato promosso a prefetto. E’ cittadino onorario di Corleone, Marsala, Mazara del Vallo ed Erice. A Vibo è arrivato succedendo nell’incarico di prefetto a Guido Longo. “Al mio successore – ha affermato Gualtieri – suggerisco di amare e capire la provincia di Vibo perché qui ci sono personalità e uomini di alto profilo in tutti i settori.

Da capo della Squadra Mobile di Palermo ha arrestato il boss a capo di Cosa Nostra, Bernardo Provenzano, latitante da oltre 40 anni. E’ stato questore a Trapani, Catania, Caserta e Potenza. Per meriti speciali nel 2017 è stato promosso a prefetto. E’ cittadino onorario di Corleone, Marsala, Mazara del Vallo ed Erice. A Vibo è arrivato succedendo nell’incarico di prefetto a Guido Longo. “Al mio successore – ha affermato Gualtieri – suggerisco di amare e capire la provincia di Vibo perché qui ci sono personalità e uomini di alto profilo in tutti i settori.

Per quanto riguarda lo scioglimento dei Consigli comunali per infiltrazioni mafiose occorre modificare la normativa per permettere la rimozione non solo dei politici collusi ma anche di chi nell’apparato amministrativo firma atti che consentono le infiltrazioni”. Spetterà ora al Consiglio dei ministri nominare il successore di Giuseppe Gualtieri.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Fiumi di rabbia sui social per il sold-out in sole due ore. "Non dovevano far partire insieme la prevendita online e quella fisica"
Il 31 marzo la presentazione de “La ragazza che sognava di sconfiggere la mafia” e successivamente di "Fuori dai confini"
Le lancette vanno spostate nella notte tra sabato e domenica. La misura è al centro di un grande dibattito da anni, ma la questione rimane aperta
L'altro automobilista coinvolto, soccorso dal 118, è stato portato in ospedale
Per la Dda reggina, Cosimo Commisso era il principale imputato del processo perché accusato di aver ricoperto un ruolo apicale dell’omonima cosca di Siderno
L'iniziativa dovrebbe avere luogo il 23 settembre nel Palamilone di Crotone
Il consigliere regionale di Azione: "Abbiamo sofferto e pianto per tanti, troppi nostri concittadini morti lungo questa lingua d’asfalto"
Il presidente Unindustria Calabria Ferrara: "Diverrebbe la porta d'accesso del Mediterraneo in Europa"
La ragazza si trova ora ristretta agli arresti domiciliari mentre il giovane è trattenuto nelle camere di sicurezza della caserma
Accolta la richiesta dei difensori, gli avvocati Gregorio Casalenuovo e Giuseppe Risadelli
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved