La nave di Sos Humanity tornerà in mare, la presidente a Crotone: “Il decreto Piantedosi è illegittimo”

Laura Gorriahn dopo la sospensione del fermo dell’imbarcazione: “I fermi amministrativi siano bloccati perché la gente nel Mediterraneo sta morendo”

“Chiediamo che i fermi amministrativi alle navi delle Ong siano bloccati perché la gente nel Mediterraneo sta morendo per questa procedura assurda del governo italiano“. Lo ha detto Laura Gorriahn, presidente di Sos Humanity, nel corso di una conferenza stampa tenutasi a bordo della nave Humanity 1 per la quale il Tribunale di Crotone, ieri, ha sospeso il decreto di fermo emesso il 4 marzo dalle autorità italiane.

“Siamo contenti della decisione del giudice di Crotone – ha aggiunto – con la speranza che sia un precedente per altri casi. La stortura in questa vicenda è non poter provare le nostre ragioni in tempi più rapidi per tornare a salvare le persone in mare. I fermi amministrativi voluti dal governo italiano per la nostra nave e per quelle delle altre Ong hanno fermato l’attività di soccorso per un totale di 100 giorni ed abbiamo visto, proprio negli ultimi giorni, il caso denunciato dalla Ocean Viking con i 60 morti perché non c’era alcuno a prestare soccorso. Anche il giudice di Crotone ha riconosciuto che a causa del nostro fermo c’è stata la compromissione dello svolgimento di indifferibili attività di carattere umanitario”.

“Prestare assistenza non è un crimine ma un dovere”

“Speriamo – ha concluso – che decisioni come quella del Tribunale di Crotone possano spingere a dichiarare illegittimo il decreto Piantedosi perché prestare assistenza non è un crimine ma un dovere”. La presidente di Sos Humanity ha esposto una serie di richieste ai governi europei: “Chiediamo di smettere di finanziare la cosiddetta Guardia costiera libica che non segue la legge dei soccorso in mare. Il loro centro di coordinamento non si occupa di soccorso ma mette in pericolo le vite. Chiediamo al governo italiano di smettere di fornire attrezzature e navi alla Guardia costiera libica visto che, proprio da una motovedetta che l’estate scorsa l’Italia ha donato alla Libia sono arrivati gli uomini che hanno sparato contro di noi il 2 marzo mentre soccorrevamo 77 persone”.

La petizione contro il decreto Piantedosi

A proposito del decreto Piantedosi, Laura Gorriahn ha affermato che “c’è una petizione in corso contro questo decreto presentata con altre Ong alla Commissione europea per chiedere di renderlo illegale. Abbiamo avuto molta solidarietà dai partiti politici nel Parlamento europeo ma nessun endorsement chiaro. Noi proponiamo un programma comunitario soccorso in mare come fu Mare Nostrum”. La nave Humanity 1 dopo la sospensione del fermo riprenderà il mare domani. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
Un evento che ha riunito i congregari presenti, finalizzato all’approvazione dei documenti contabili dell'associazione
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved