Oliverio (a parole) non molla. E lancia l’hashtag “sovranista”

L’ex presidente sembra voler confermare l’intenzione di candidarsi all’insegna dello slogan "prima di tutto la Calabria". Ma secondo molti le sue truppe sono ormai a ranghi ridotti

Mario Oliverio, almeno a parole, non molla. Dopo l’appello lanciato ai competitor di centrosinistra, sostanzialmente una replica del bluff già tentato nel 2019, l’ex governatore lancia nella controra domenicale il suo hashtag, #primadituttolacalabria, che magari inconsapevolmente sembra scimmiottare gli slogan resi noti negli ultimi anni dalla destra Usa (“America First”) e da quella italiana “Prima gli italiani”).

“Dignità e autonomia prima di tutto”

“Dignità e autonomia prima di tutto”

Il post è breve ma pare abbia lo scopo di ribadire ciò che molti invece danno come improbabile, ovvero la candidatura di Oliverio come quarto aspirante presidente e come terzo incomodo nel campo del centrosinistra, che vede già in corsa Amalia Bruni e Luigi de Magistris. “Ci sono momenti nella vita delle comunità e delle persone – è il refrain dell’orgoglio oliveriano – in cui la difesa della dignità e dell’autonomia vengono prima di tutto. Sono condizione per un futuro di libertà e di riscatto”.

Orgoglio Mario

Parole alla Braveheart, insomma, associate alle solite indiscrezioni delle solite fonti interne che garantiscono che l’ex presidente sarà della partita e che ha pure pronte due liste di cui una, quella dei “Democratici e progressisti”, essendo rappresentata nel consiglio regionale uscente non avrebbe nemmeno bisogno della raccolta firme per la presentazione.

Le truppe e il “bagno di sangue”

La realtà è che molti di quelli che erano fedelissimi di Oliverio, pronti in passato a lanciare strali sul civismo ostinatamente inseguito dal Pd per scaricarlo, stavolta sono convinti che la civica Bruni sia la persona giusta per mantenere le proprie posizioni di rendita politica. Così è finita che, per esempio, la parlamentare Enza Bruno Bossio e l’ex assessore regionale (ed ex commissario Sorical) Luigi Incarnato abbiano abbandonato la nave oliveriana a bordo della quale, invece, sarebbero rimasti solo alcuni di quelli che erano i componenti della sua (all’epoca folta) truppa come i reggini Gianni Nucera e Francesco D’Agostino e il redivivo vibonese Bruno Censore. Più cauto è sembrato l’uscente Giuseppe Aieta che ha messo in guardia il centrosinistra sul rischio, sempre più concreto, di un “bagno di sangue”.

Dieci giorni per la verità

La deadline per la presentazione non è lontana: entro dieci giorni i calabresi potranno misurare la distanza tra l’orgoglio delle dichiarazioni “pro Calabria” e la voglia di unire (o dividere) il centrosinistra e la realtà dei fatti.

s. p.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved