Rinvio elezioni Provincia Crotone, Ferro e Orsomarso (FDI): “Giochi di palazzo del centrosinistra”

“Il rinvio dell’elezione del presidente della Provincia di Crotone è una bruttissima pagina scritta da una politica interessata solo alla conservazione del potere fine a se stesso, e che continua ad operare secondo logiche di palazzo incomprensibili ai cittadini”.

 E’ quanto affermano il coordinatore regionale e il coordinatore provinciale di Crotone di Fratelli d’Italia Wanda Ferro e Fausto Orsomarso. “La compagine di governo rosso-gialla  – spiegano Ferro e Orsomarso – considera la democrazia come una pratica residuale e vede il voto dei cittadini come fumo negli occhi. L’emendamento approvato nel ‘milleproroghe’ sembra avere il preciso obiettivo di evitare il voto a Crotone e consentire all’amministrazione di centrosinistra di restare in carica senza alcuna legittimazione democratica. E’ il riflesso, in fondo, di quanto avviene a livello nazionale: di fronte al rischio di perdere le elezioni, il centrosinistra sospende la democrazia e si aggrappa ai garbugli e alle macchinazioni pur di non confrontarsi con il consenso. E’ incomprensibile, ad esempio, il motivo per cui il presidente facente funzioni della Provincia di Crotone, dopo avere doverosamente indetto le elezioni per il 2 marzo, non abbia proceduto all’allestimento dei seggi elettorali già venerdì scorso, quando il ‘milleproroghe’ non era stato ancora pubblicato.  Una inadempienza che smaschera il disperato tentativo di impedire l’affermazione di un’alternativa di centrodestra alla Provincia di Crotone, attraverso la maldestra introduzione di una norma i cui contorni richiedono ancora chiarimenti”. “Quanto avvenuto – concludono i due rappresentanti di Fratelli d’Italia – devono fare riflettere anche sulla necessità di una revisione organica della riforma Delrio, che passi prima di ogni cosa per il ripristino per l’elezione diretta degli amministratori provinciali da parte dei cittadini”.

 E’ quanto affermano il coordinatore regionale e il coordinatore provinciale di Crotone di Fratelli d’Italia Wanda Ferro e Fausto Orsomarso. “La compagine di governo rosso-gialla  – spiegano Ferro e Orsomarso – considera la democrazia come una pratica residuale e vede il voto dei cittadini come fumo negli occhi. L’emendamento approvato nel ‘milleproroghe’ sembra avere il preciso obiettivo di evitare il voto a Crotone e consentire all’amministrazione di centrosinistra di restare in carica senza alcuna legittimazione democratica. E’ il riflesso, in fondo, di quanto avviene a livello nazionale: di fronte al rischio di perdere le elezioni, il centrosinistra sospende la democrazia e si aggrappa ai garbugli e alle macchinazioni pur di non confrontarsi con il consenso. E’ incomprensibile, ad esempio, il motivo per cui il presidente facente funzioni della Provincia di Crotone, dopo avere doverosamente indetto le elezioni per il 2 marzo, non abbia proceduto all’allestimento dei seggi elettorali già venerdì scorso, quando il ‘milleproroghe’ non era stato ancora pubblicato.  Una inadempienza che smaschera il disperato tentativo di impedire l’affermazione di un’alternativa di centrodestra alla Provincia di Crotone, attraverso la maldestra introduzione di una norma i cui contorni richiedono ancora chiarimenti”. “Quanto avvenuto – concludono i due rappresentanti di Fratelli d’Italia – devono fare riflettere anche sulla necessità di una revisione organica della riforma Delrio, che passi prima di ogni cosa per il ripristino per l’elezione diretta degli amministratori provinciali da parte dei cittadini”.

“Essendoci dei dubbi interpretativi sulla portata applicativa della norma introdotta nel decreto milleproroghe attraverso un emendamento ‘last-minute’, ritengo che l’amministrazione di centrosinistra avrebbe dovuto salvaguardare l’interesse primario all’esercizio del voto, anziché barricarsi nel palazzo per continuare ad esercitare il potere senza alcuna legittimazione democratica”. E’ quanto afferma il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Filippo Pietropaolo. “Il presidente facente funzioni avrebbe dovuto procedere all’allestimento dei seggi già da venerdì, quando ancora il ‘milleproroghe’ non era stata pubblicato. La sua inerzia rivela una vera e propria macchinazione di palazzo per impedire lo svolgimento delle elezioni convocate per il 2 marzo. Non c’è altro ragionevole motivo per cui un tema così delicato – che riguarda l’espressione democratica del governo dei territori –  sia stato regolato non con una legge mirata e organica, ma con un emendamento infilato come un trojan nello sterminato elenco di disposizioni del ‘milleproroghe’, e il cui unico carattere di urgenza sembra essere quello, tutto politico, di impedire ai sindaci del centrodestra di esprimere un nuovo presidente. Per questo condivido e sostengo la protesta dei sindaci che denunciano l’illegittimo cambiamento delle regole in corsa, e rivendicano il diritto di scegliere il nuovo presidente dell’ente intermedio”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
A chiamare le forze dell’ordine sono stati alcuni residenti, insospettiti dall’odore proveniente dal veicolo
"I nuovi orari - si legge in una nota diffusa dal Comune - sono in vigore da lunedì 29 maggio 2023"
Tutto quello che c'è da sapere in caso di ritardi nella consegna dell’auto noleggiata o anche acquistata e di inadempienze contrattuali da parte della società
L'ultimo concorso del Lotto ha distribuito premi per oltre 7,8 milioni di euro in tutta Italia, per un totale superiore ai 469 milioni in questo 2023
La cardiologia di Crotone è stata la prima in Calabria ad aver utilizzato la stimolazione della branca sinistra per l’impianto di pace-maker
Si dicono "esausti per la mancanza di personale" e l'"incapacità di fornire esaustive risposte sanitarie alla comunità"
Sul posto è intervenuto il 118 che non ha potuto fare altro che costatarne il decesso. Indagano i carabinieri
Verrebbe anche contestata una presunta interferenza in un'asta giudiziaria in cambio di favori. Dieci gli indagati
Con giugno inizia anche l'estate meteorologica, e sotto il profilo termico si attende clima caldo ma senza eccessi anzi con valori in linea con le medie
Trasportava 400 grammi di marijuana dentro strumenti musicali. Fermato in auto dai poliziotti della Squadra Mobile
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved