Scirocco, Occhiuto tuona: “Chi inquina il mare della Calabria è criminale. Regione si costituirà parte civile”

Il messaggio forte e chiaro del presidente della Regione fatto passare attraverso un video pubblicato su Facebook

 “Chi inquina il mare della Calabria è un criminale”. Ruggisce il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, che lancia forte e chiaro il messaggio attraverso un video rilanciato tramite Facebook in cui commenta la recente inchiesta “Scirocco” coordinata dalla Dda di Catanzaro, che ha portato a numerosi arresti da parte dei carabinieri a danno di presunti responsabili di cattiva gestione di diversi depuratori. “Io l’ho detto da più tempo: arresto per chi inquina il mare”, ha esordito Occhiuto, che ha poi annunciato: “La Regione si costituirà parte civile contro questi criminali, perché chi inquina il mare è un criminale, uccide il futuro e lo sviluppo della Calabria”.

Dalle diffide ai Comuni agli arresti

“Io sono andato sui depuratori, personalmente, e non dovrebbe andarci il presidente della Regione perché i depuratori appartengono ai Comuni – ha proseguito Occhiuto dopo aver mostrato le immagini relative al caso – che devono darli in gestione a società che sappiano gestirli. Ho diffidato i Comuni. Vi ricordate quando mi attaccavano”, ha aggiunto. 
“Molti sindaci fanno finta di nulla, non tutti. Ci sono sindaci bravi, altri li abbiamo diffidati, abbiamo commissariato i depuratori, abbiamo persino scritto alla società che ha degli imprenditori che ora sono stati arrestati perché non hanno gestito il depuratore, hanno lucrato sul depuratore. Abbiamo scritto dicendo che il depuratore non è gestito bene, abbiamo smaltito i fanghi che avrebbero dovuto smaltire loro, li abbiamo smaltiti in danno dei Comuni e della società di gestione”.

“Contento che altre istituzioni ci mettano la faccia”

“Sono molto contento che i carabinieri e la Procura di Catanzaro oggi abbiano dimostrato che quello che noi dicevamo sui depuratori che erano gestiti male dalle società di depurazione era vero. Sono stato attaccato sono stato attaccato da tutti ma siccome io ci ho messo la faccia e non era un compito della Regione quello di occuparsi dei depuratori ma era un compito dei Comuni sono molto contento che insieme a me ci mettano la faccia altre istituzioni come la Procura di Catanzaro come i carabinieri che hanno fatto un lavoro straordinario”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
Un evento che ha riunito i congregari presenti, finalizzato all’approvazione dei documenti contabili dell'associazione
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved