Calabria7

Basso Profilo, revocati i domiciliari all’ex assessore regionale Francesco Talarico

Decreto Rilancio comuni

Il gip del Tribunale di Catanzaro, Alfredo Ferraro, ha sostituito la misura degli arrestati domiciliari con quello dell’obbligo di dimora nel comune di residenza con divieto di allontanarsi dalla propria abitazione dalle 21 alle 7 nei confronti di tredici indagati coinvolti nell’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia denominata “Basso Profilo”. Si tratta dell’ex assessore regionale Francesco Talarico (assistito dall’avvocato Francesco Gambardella), Antonino Pirrello, Natale Errigo, Luciano D’Alessandro, Alberto Zavatta, Claudio Zavatta, Mario Esposito (difeso dall’avvocato Antonello Talerico e Domenico Caliò), Valerio Antonio Drosi, Antonella Drosi, Eugenia Curcio, Rosario Bonofiglio, Elena Banu e Luigi Alecce.

Decisione immutata per i Brutto

Il giudice per le indagini preliminari – come indicato dal pubblico ministero in seguito alla fase di riesame – ha rivalutato determinate posizioni modificando il quadro indiziario (come per esempio l’aggravante mafiosa) e cautelare “che in alcuni casi merita una rivisitazione”. Il gip pur escludendo l’aggravante mafiosa per l’ex consigliere comunale Tommaso Brutto e il figlio Saverio ha deciso di mantenere nei loro confronti la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Nel collegio difensivo compaiono, tra gli altri, i legali Enzo De Caro, Arcangelo De Caro, Armodio Migali e Bruno Raffaele.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Stop al bando per assistenza domiciliare a Catanzaro, Granato: “Abramo non pensa ai più deboli”

bruno mirante

Scritte offensive sui muri del porto di Reggio contro il presidente dell’Autorità portuale

Maria Teresa Improta

Endometriosi: il rapporto tra dolore, cibo e psiche. Esperti a confronto in Calabria

Maria Teresa Improta
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content