Calabria7

Serrata di teatri, cinema e sale da gioco: stop alle “attività non essenziali” a Catanzaro

di Bruno Mirante – L’indice di diffusione del contagio da coronavirus a livello nazionale è ufficialmente all’1,5. Una situazione che l’ISS (Istituto Superiore di Sanità) descrive come “complessivamente e diffusamente molto grave sul territorio nazionale con rischio di criticità importanti a breve termine in numerose Regioni italiane”. Per questo motivo gli esperti hanno chiesto al Governo di prevedere nuove restrizioni per gli spostamenti sul territorio, e allo stesso tempo di imporre lo stop delle cosiddette attività non essenziali: palestre, piscine e centri termali ma non solo. Ad essere sospese sono anche “le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo e casinò”.

La scure delle restrizioni per contenere la diffusione del virus si è abbattuta ancora una volta anche su cinema e teatri. Il Dpcm licenziato dal governo Conte dispone, infatti, la serrata per “gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto e sale cinematografiche”.

LEGGI ANCHE | Saracinesche abbassate dalle 18: il “minilockdown” dei ristoratori di Catanzaro tra incertezza e dubbi per il futuro

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Nuovo circolo FdI nel quartiere Lido a Catanzaro: Ferro ad inaugurazione

manfredi

‘Coronavirus’, scattano le misure di prevenzione negli aeroporti calabresi

Matteo Brancati

Speranza difende Zuccatelli: “30 anni di carriera non si cancellano per un video sbagliato”

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content