Caccia all’ultimo grande latitante: ecco il nuovo identikit del boss di Cosa Nostra Giovanni Motisi

Motisi è inserito nell’elenco dei latitanti di “massima pericolosità” del “programma speciale di ricerca” del Ministero dell’Interno

La Polizia di Stato diffonde il nuovo identikit di Giovanni Motisi, l’ultimo grande latitante protagonista della fase stragista di Cosa nostra, le cui ricerche proseguono senza sosta. Sfruttando le professionalità e le avanzate tecnologie del Servizio di Polizia Scientifica della Polizia di Stato, sono state “rivisitate” ed attualizzate alcune immagini del latitante, risalenti agli anni ’80 ed alla fine degli anni ’90, con la tecnica dell’”Age progression”. Tecnica che consiste nell’invecchiamento fisionomico progressivo, partendo dalla studio e dall’attualizzazione di alcuni specifici profili antropometrici che caratterizzano la famiglia di appartenenza del ricercato.

Il nuovo identikit di Motisi

Si è così realizzato un prototipo con alcune possibili variazioni degli attuali connotati del viso di Motisi. Si tratta di un ulteriore tentativo di stringere il cerchio delle indagini per arrivare alla sua cattura. “Nascosto” dal 1998, Motisi è inserito nell’elenco dei latitanti di “massima pericolosità” del “programma speciale di ricerca” del Ministero dell’Interno. Il nuovo identikit agevolerà il lavoro degli investigatori del Servizio Centrale Operativo e della Squadra Mobile di Palermo, ma potrà servire anche, si augura la polizia, a sollecitare la collaborazione dei cittadini.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
E' stato insignito di ben due premi per i record di pista nella categoria OKN-J, ottenuti nei due circuiti calabresi
Promotrice della manifestazione, il vicesindaco Iemma, con la collaborazione di Sieco e degli assessorati all’Ambiente e Pubblica istruzione
Nonostante il pronunciamento della Corte di Cassazione che aveva annullato con rinvio l'ordinanza cautelare. E' accusato di concorso esterno
storie
Torna alla memoria un vecchio episodio raccontato durante la visita a Catanzaro sul terrazzo del San Giovanni che oggi porta il suo nome
I particolari dell'inchiesta "Arangea" che ha portato all'arresto di 12 persone per associazione mafiosa, estorsione e trasferimento fraudolento di valori
Protagonisti della struggente storia di umana solidarietà il prete degli ultimi don Peppino Fiorillo e il cittadino Ceco Norbert Ludrouoskj
Servizio ad alto impatto della Compagnia Carabinieri di Lamezia. Controlli nelle aree della movida: scattano denunce e sanzioni
La Procura di Catanzaro aprirà un fascicolo d'indagine sull'incidente e nel frattempo ha provveduto a sequestrare i due mezzi coinvolti
Nella puntata andata in onda ieri sera Report ha rispolverato quello che viene definito il quinto scenario, ovvero la pista israeliana
Le indagini hanno permesso di ricostruire dinamiche e assetti di un’articolazione di ndrangheta facente capo ad una “locale” operante nel territorio del comune
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved