Calabria7

Lotta al Coronavirus, generale Figliuolo: “La campagna vaccinale è all’86%”

campagna vaccinale

“Stiamo riscoprendo la normalità grazie all’effetto di una campagna vaccinale senza precedenti, che ha portato in pochi mesi proteggere oltre 46,5 milioni di italiani, che rappresentano oltre l’86% della popolazione over 12. Questi dati fanno sì che l’Italia si posizioni ben sopra la media europea, davanti a paesi come Francia, Germania e Regno Unito. La campagna sta continuando, il nostro obiettivo è sfondare la quota dell’86% e andare al 90%”. Così il generale Francesco Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Covid.

“Oggi, grazie alla campagna vaccinale, abbiamo superato i momenti più difficili. L’Italia ha riaperto e sta ripartendo, ma non possiamo dimenticare chi ha sofferto o soffre tuttora. E chi, come voi, ha fatto tutto il possibile per essere d’aiuto”. Lo ha detto il premier Mario Draghi esprimendo “profonda ammirazione e gratitudine per i lavoratori e i volontari del terzo settore”. Intanto, secondo le classifiche stilate dalla Fondazione Gimbe, la Sardegna è prima in Italia per la vaccinazione degli studenti. Il Veneto, seguito dalle Marche, è al vertice per le dosi somministrate al personale scolastico. Fanalino di coda in entrambi i casi è la Provincia autonomia di Bolzano.

I dati della campagna

Secondo il report al 25 ottobre 2021 il 67,2% della popolazione 12-19 anni (3.064.055) ha completato il ciclo vaccinale e il 5,5% (249.401) ha fatto la prima dose. I ragazzi non vaccinati sono 1.243.466 (27,3%), con percentuali di non vaccinati che vanno dal 19,6% della Regione Sardegna al 43,8% della Provincia autonoma di Bolzano. Secondo Gimbe, il trend della copertura vaccinale con almeno una dose nella fascia 12-19 anni, dopo il netto aumento a inizio giugno, ha progressivamente rallentato a partire dal mese di settembre, quando il valore era ancora inferiore al 70 per cento.

Riguardo al personale scolastico, il 91,2% ha completato il ciclo vaccinale e il 3% (45.945) ha ricevuto la prima dose di vaccino; sono in 90.002 (5,8%) a non aver ancora ricevuto nemmeno una dose, con rilevanti differenze regionali: dal 3% del Veneto al 21,1% della Provincia autonoma di Bolzano. “Questi dati – afferma Renata Gili, responsabile Gimbe della Ricerca sui Servizi Sanitari – dimostrano che sinora non si è verificato il temuto “effetto scuole”, sia grazie alla vaccinazione di studenti e personale scolastico, sia per la progressiva copertura vaccinale della popolazione generale. La conseguente riduzione della circolazione virale si riflette in ambito scolastico, anche negli alunni under 12 per i quali non ci sono ancora vaccini autorizzati. Un motivo in più per raggiungere il maggior numero possibile di persone non vaccinate e accelerare la somministrazione delle terze dosi”.

Il personale scolastico

“Lo zoccolo duro di personale scolastico non vaccinato sfiora il 6%”. Inoltre “non è previsto screening periodico dei contagi nelle strutture scolastiche se non nelle scuole sentinella, di cui però mancano i dati pubblici”. Troppe risorse vengono investite per disinfettare le superfici e poche per areare ambienti in cui il distanziamento interpersonale di un metro “è un obbligo flessibile in classi pollaio”. E’ quanto emerge dal monitoraggio Gimbe ‘Sicurezza Covid nelle scuole’, che mette in allerta: “Ancora non c’è un effetto scuola” ma “i focolai segnalati invitano a tenere alta la guardia”.

Tasso di ospedalizzazione in risalità

Dopo due settimane torna a risalire a livello nazionale la percentuale di posti letto Covid occupati nei reparti di degenza, passando dal 4 al 5% del totale di quelli disponibili, percentuale comunque lontano da livelli critici. Nessuna regione supera la soglia di allerta del 15% ma ad aumentare sono i ricoverati nelle regione Calabria (che passa dall’8% al 9%) e Lombardia (dal 2% al 4%). Emerge dal monitoraggio dell’Agenas (Agenzia nazionale dei servizi sanitari nazionali) che confronta i dati di ieri, 26 ottobre, con quelli del giorno precedente. Stabile a livello nazionale al 4% l’occupazione dei posti in terapia intensiva.

Per quanto riguarda i ricoveri ospedalieri di pazienti Covid in area ‘non critica’, il trend di aumento per diverse regioni è iniziato già da qualche giorno: la Pa di Bolzano, ad esempio, è passata dal 4% al 9% tra il 17 e il 26 ottobre; mentre dal 25 ottobre la Sicilia è tornata all’8%, il Lazio al 6%, la Toscana al 5%, la Valle d’Aosta al 7% e la Liguria al 4%. In base ai dati di ieri, i pazienti Covid occupano il 4% dei posti disponibili in terapia intensiva, un dato stabile a livello nazionale. La percentuale è però in crescita, rispetto al 25 ottobre, in Abruzzo e Umbria, dove risale rispettivamente al 5% e all’8%.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

‘Pugliese-Ciaccio’, garantito ai pazienti colpiti da ictus il trattamento per via endoarteriosa

Alessandro De Padova

Coronavirus in Calabria: 89 nuovi contagi nelle ultime ventiquattro ore

Maria Teresa Improta

“Basso Profilo”, coinvolto anche impiegato di Invitalia

Giovanni Bevacqua
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content