Calabria7

Sant’Anna Hospital, la proprietà sulla sentenza del Tar: “Il nostro pensiero va ai pazienti”

“Alla luce della sentenza numero 460/2021 del Tribunale Amministrativo della Calabria, che pure vede vittoriose le tesi del Sant’Anna Hospital, non sentiamo di esprimere particolare soddisfazione”. È quanto scrive il presidente del CdA, Giovanni Parisi. “Non lo facciamo – continua – perché ci amareggia constatare che, per veder riconosciuti i propri diritti e per ottenere dalla Pubblica Amministrazione (in questo caso l’Asp di Catanzaro retta da una terna commissariale) provvedimenti in linea con i propri uffici, ci si debba rivolgere ai Tribunali. Impegnando così uomini, risorse e strutture dello Stato che potrebbero occuparsi d’altro”.

“E, anche in questo caso, il nostro pensiero – va avanti Parisi – va drammaticamente alle centinaia di pazienti che – costretti da una burocrazia lenta e poco efficiente – aspettano ancora di poter usufruire dei servizi di eccellenza del Sant’Anna Hospital. Il nostro pensiero va alle centinaia di famiglie dei nostri amministrativi, ausiliari, infermieri e medici che attendono (con sempre meno fiducia) di poter riprendere a ‘salvare vite’. A loro diciamo che noi ce la stiamo mettendo tutta per riempire, nuovamente, il Sant’Anna Hospital di pazienti  ai quali potranno tendere la loro mano ed accompagnarli verso un percorso di guarigione, così come è stato – senza sosta – per decenni”.

“A chi si sta frapponendo a tutto ciò – prosegue – diciamo di guardare in fondo alla propria coscienza e di rendersi conto dell’enorme danno materiale e della ferita profonda che hanno inferto ad ogni singola professionalità del Sant’Anna Hospital. Oggi il Tar Calabria ha chiaramente affermato che vi è ‘l’obbligo giuridico per l’Asp di Catanzaro di adottare una determinazione con cui essa esprima definitivamente la volontà di stipulare o meno il contratto per la regolamentazione dell’erogazione delle prestazioni sanitarie relative all’annualità 2020’. Il Tar si porta avanti, nominando già ‘quale Commissario ad Acta, nel caso in cui l’Asp dovesse insistere nella sua perdurante inerzia, il Segretario del Ministero della Salute’. Il Sant’Anna SpA, fin dall’insediamento del nuovo CdA ha provato ad interloquire più e più volte, senza esito, proprio al fine di procedere alla ‘naturale’ contrattualizzazione per l’anno 2020 ed al conseguente ristoro economico per le prestazioni sanitarie regolarmente rese”. 

“Non solo l’Asp – conclude Parisi – ha ritenuto di non dovere procedere alla sottoscrizione del contratto per il 2020 – seppure ritiene applicabile l’ultrattività di quello relativo all’anno precedente – quanto a dicembre del 2020 ha addirittura irritualmente ed illegittimamente (come già sancito da Ordinanza, non opposta, del Tar Calabria numero 38/2021) ‘ordinato’ la sospensione delle attività per il Servizio Sanitario Regionale. L’auspicio è, nell’interesse della suprema tutela della Salute Pubblica, che presto tutto possa tornare alla ‘normalità'”.

LEGGI ANCHE Sant’Anna Hospital, il Tar dispone la nomina di un commissario ad acta

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Il Covid non arretra, c’è un nuovo caso a Vibo

Francesco Cangemi

Furto di energia e di carburante, tre arresti nel Reggino

Matteo Brancati

Incidente su svincolo statale 106, due vittime

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content