Coltivavano 1340 piante di cannabis, tre arresti

I Carabinieri della Stazione di Agnana Calabra e dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria di Vibo Valentia hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa della misura cautelare, emessa dal GIP del Tribunale su richiesta dalla Procura della Repubblica di Locri, che ha concordato a pieno con le risultanze investigative rapportate dell’Arma, nei confronti di 3 soggetti di Canolo, Bovalino e Palizzi.

Gli arrestati sono indagati per concorso in coltivazione continuata di ingente quantità di “Cannabis Indica”, aggravata dall’aver commesso il fatto da parte di tre o più persone.

Gli arrestati sono indagati per concorso in coltivazione continuata di ingente quantità di “Cannabis Indica”, aggravata dall’aver commesso il fatto da parte di tre o più persone.

Il provvedimento rappresenta l’epilogo di una complessa attività di indagine effettuata dai Carabinieri della Stazione di Agnana Calabra, coordinati dalla Procura della Repubblica di Locri, a seguito del rinvenimento di una piantagione di marijuana.

Lo scorso luglio, infatti, i militari dell’Arma, nel corso di un rastrellamento, all’interno di un’area boschiva in parte demaniale e in parte privata, sita in località “Fiorentino” agro del Comune di Canolo, scoprivano una piantagione di marijuana estesa su più appezzamenti, composta da 1340 piante di lunghezza variabile, irrigata mediante un sistema di tubi in polietilene.

All’ esito di tale rinvenimento si procedeva all’ osservazione e al controllo del sito, per oltre un mese, documentando come gli odierni indagati si prendessero cura della piantagione provvedendo, a turno, alla concimazione, irrigazione, coltivazione delle piantine lì messe a dimora.

Nel corso dell’operazione, per i medesimi fatti, è stata altresì notificata una informazione di garanzia nei confronti di un 63 enne di Canolo.

redazione calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel concerto di Lamezia Terme i tre musicisti proporranno le composizioni di tre autori distanti nel tempo
Il ricordo del premio Nobel a 110 anni dalla nascita nelle parole del sindaco della sua città e del ministro della Salute
La pena più alta è stata invocata per Leonardo Sacco. Si tratta dell'appello bis dopo gli annullamenti con rinvio della Cassazione
scolacium
"Dietro le intimidazioni del professionista le famiglie di 'ndrangheta dei Bruno, dei Catarisano, dei Procopio e dei Tolone"
Le sue condizioni si sono rapidamente aggravate dopo le dimissioni ed è arrivato in ospedale in arresto cardiaco
Il ministro Valditara parla di decisione presa "sia per questioni didattiche sia perché spesso l'utilizzo improprio è elemento di tensione"
"Dateci la possibilità di riunirci con le nostre famiglie - dice il 41enne siriano - per aiutarci a superare questa sofferenza"
A salvare da donna è stato un vicino di casa che ha sentito le urla ed ha scavalcato il cancello riuscendo a far allontanare il cane
L'incarico al presidente del Consiglio regionale calabrese. Il suo omologo del Lazio, Antonello Aurigemma, è invece il nuovo presidente
Diversi gli episodi raccontati dai due ragazzi che descrivono il padre come una persona assente e distaccata, dai comportamenti minacciosi che degeneravano in vere e proprie aggressioni fisiche
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved