Calabria7

Santo Stefano in zona rossa, negozi aperti e spostamenti: ecco cosa si può fare

Dopo il Natale, Santo Stefano. Le feste continuano ma l’Italia resta in zona rossa e rimangono invariate le regole fissate dal decreto firmato da Conte ed entrato in Gazzetta Ufficiale la notte tra il 18 e 19 dicembre. Per spostarsi da casa serve sempre l’autocertificazione e anche oggi, come in tutti i giorni fino al 6 gennaio compreso, sono consentiti gli spostamenti tra Comuni, pur all’interno della stessa regione, per fare visita a parenti o amici, ad alcune condizioni.

Negozi aperti oggi?

Il decreto prevede che in tutta Italia – nei giorni 24, 25, 26, 27, 31 dicembre 2020, 1, 2, 3, 5, 6 gennaio 2021 – restino chiusi tutti i negozi, tra cui centri commerciali, bar, ristoranti, pasticcerie, gelaterie, centri estetici. Attivo l’asporto in loco fino alle 22, così come le consegne a domicilio.
Aperti in zona rossa (sempre in linea teorica) i supermercati, i negozi di beni alimentari e di prima necessità, le farmacie, le parafarmacie, le edicole, le tabaccherie, le lavanderie, le tintorie, i parrucchieri e i barbieri. Aperti anche benzinai, ferramenta, librerie, cartolerie, attività di vendita di articoli sportivi, concessionarie, fiorai e i negozi che vendono prodotti e alimenti per animali.
Attenzione però: zona rossa a parte, è sempre un giorno festivo. Diverse le catene di ipermercati che hanno deciso di tenere chiuso anche oggi, è consigliabile consultare l’elenco città per città di chi invece ha optato per aprire. Stesso discorso per le altre attività, la scelta è a discrezione del singolo negozio.

Visite ad amici o parenti

In base al decreto ci si può spostare all’interno della propria regione al massimo una volta al giorno verso un’abitazione privata e non più di due per volta (esclusi under 14, disabili e persone non autosufficienti conviventi). Il coprifuoco va sempre rispettato: no a spostamenti dalle 22 alle 5.

Attività motoria e sport

L’attività motoria è consentita nei pressi della propria abitazione, con l’obbligo di mascherina. Significa che chi abita in periferia, in città, non può andare a fare una passeggiata in centro. Ok allo sport all’aperto, ma solo in forma individuale e rispettando la distanza di due metri. Si può andare in bicicletta.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Calabria in zona rossa, lo sfogo di una commerciante cosentina

Mirko

Salvini: “Problema non è Lega, ma politici calabresi che rubano voto da 50 anni”

Matteo Brancati

Si frattura vertebre in carcere ma non la curano, appello detenuta

Andrea Marino
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content